Daniele Copywriter di Torino

Ciao!

Vuoi sapere il mio nome? Mi chiamo Daniele.
D'altronde, se questo sito si chiama DaniComo, potevo chiamarmi solamente Daniele o al massimo Danilo, ma tu conosci qualcuno che si chiama così? 🙂

In questa piccola pagina ti parlerò dei motivi che mi hanno spinto a creare questo sito e a diventare un copywriter del web.

Sono un copywriter perché, tanti anni fa, mi misi a scrivere testi in inglese per canzoni immaginarie e mai realizzate, prendendo spunto da gruppi come Queen, Blind Guardian e Dream Theater.

Sono un copywriter perché a scuola, per ogni composizione, più volgarmente detta tema, ero capace di riempire pagine e pagine di parole, inserendo in ogni storia dei personaggi inventati da me, prendendo ispirazione da atleti reali e persone comuni le cui sorti si mischiavano (tipo gente dell'NBA che diventava postino per un giorno!).

Sono un copywriter perché.. beh, chiedetelo alle ragazze che mi piacevano. Quanti bigliettini e quante lettere. Per fortuna non sono mai stato accusato di stalkeraggio in quanto era palesemente una truffa: il mio intento non era quello di conquistarle, bensì di far leggere a qualcuno la disposizione, in un testo casuale, di tutte le nuove parole che trovavano nel dizionario, cercando di creare frasi dotate di un senso logico.

E lo sono anche perché mi è sempre piaciuto ascoltare le persone per strada.
Certo, a volte c’è da spaventarsi della loro pochezza intellettuale e morale, ma mi consolo tramite le parole presenti su libri e giornali uscite dalla bocca e dalla penna di giornalisti, scrittori e filosofi. In realtà anche le persone comuni sanno regalarti qualche preziosa perla ricca di commozione. Mi capita spesso da quando ho un bellissimo cane che riceve  tanti complimenti da parte di persone che rivedono in lui i loro vecchi cagnolini. Grazie a lui e al suo sguardo dolcissimi, tanti cagnolini riescono, in un certo senso, a rivivere.

Ma non finisce qui.

Sono un copywriter perché anni fa, al termine di un corso di grafica per Internet, realizzai i miei primi siti web in HTML e Flash, senza ottenere alcun risultato positivo dal punto di vista delle statistiche.

Il motivo è presto detto: è impossibile farsi trovare su Internet se il proprio sito non compare nelle prime pagine di Google (a meno che non si paghi ogni giorno la pubblicità o non si abbia migliaia di fan).

Uscii da quel corso pensando che bastasse mettere in mostra le proprie capacità grafiche e tecniche, senza sapere (nessuno me lo disse!) che in realtà le persone non cercano la tua arte, gli effetti speciali o bottoni luminosi, bensì le più varie informazioni, quindi parole e numeri.

Da quando mi è chiaro questo dato di fatto, mi sono focalizzato sulla scrittura e sono stato aiutato in ciò da WordPress, piattaforma che consente a tutti di ottenere con facilità ottimi temi grafici. Io però prediligo uno stile minimal, che rende il sito più veloce del 91% di tutti gli altri siti presenti sul web.

Sono un copywriter perché lo sono sia quando vengo pagato, sia quando scrivo per i miei blog, le cui pagine hanno migliaia di visualizzazioni, pur avendole aperte senza badare molto alla SEO.
Il motivo per cui ho deciso di diventare un professionista della parola è frutto dell'amore che Google e Bing hanno diverse volte dimostrato nei miei confronti.

La SEO è fondamentale per farsi trovare gratuitamente (a meno che non paghiate un esperto, ça va sans dire, ma ciò avviene per una sola vo) sui motori di ricerca, senza dover spendere giornate intere su Facebook nelle proprie pagine aziendali ufficiali e senza spendere soldi in inserzioni pubblicitarie che, magari, non daranno alcun frutto.
La SEO mi è servita per farmi trovare da diverse persone e il copywriting è essenziale per mostrarsi simpatici, affabili, professionali e interessanti.

Il lavoro del copywriter è essenziale per decretare o meno il successo della comunicazione online e offline di un’azienda e di ogni libero professionista intenzionato ad uscire, anche solo metaforicamente dal proprio studio, per dialogare più apertamente con un ideale vasto pubblico.

Il copywriting ha varie sfaccettature.

Nella realizzazione di un sito web, ciò che conta maggiormente è il testo, non a caso la figura del content marketing creator è sempre più richiesta, questo perché i brand hanno bisogno di qualcuno che riesca a far interagire le persone con loro, senza assillarli sempre e solo con cataloghi, offerte e fotografie troppo posate dei loro prodotti.
Grazie ad un testo ottimamente formattato e ottimizzato per il web, è possibile ottenere un servizio di SEO per migliorare il posizionamento su Google del proprio sito aziendale o professionale.
Il copywriter è fondamentale anche nelle pubblicità e per tutte quelle piccole iniziative dove ci sono degli spazi vuoti da riempire con parole.

Tutti quanti sappiamo leggere e scrivere, il problema arriva quando ci troviamo davanti ad un foglio bianco e siamo obbligati a scrivere qualcosa di interessa, perché altrimenti nessuno ci noterà e ci reputerà interessanti e ingaggiabili. Non basta l’immagine, specialmente sul web, per il semplice fatto che un testo lungo, approfondito e utile viene ben visto da Google e quindi premiato nel posizionamento, mentre un’immagine ha una sola descrizione disponibile e solitamente viene scelta quella più sgargiante o volgare.

Perché ora non mi parli di te?
Sicuramente hai una storia da raccontare che può aiutarti a migliorare la posizione dei tuoi siti, e allora..


Privacy Policy